20^ Festa Provinciale dell’Artigianato


7 novembre 2011

I valori dell’artigianato e la situazione economica al centro della giornata

Si è tenuta domenica 6 novembre a Sondrio la ventesima edizione della Festa provinciale dell’Artigianato registrando un notevole successo con un’ampia partecipazione di artigiani e autorità.

La festa ha rappresentato un momento di sincera convivialità, una giornata di piacevole socializzazione, ma anche un’opportunità per riflettere sulle problematiche della categoria.

La giornata è iniziata alle ore 9.30 quando un folto gruppo di artigiani ha partecipato alla Santa  Messa, presso la Chiesa del Cuore Immacolato di Maria a Montagna Valtellina, al termine della quale le autorità e gli artigiani si sono ritrovati presso la sala polifunzionale”Arturo Succetti” presso la sede di Sondrio, per la cerimonia ufficiale di consegna degli attestati.

I lavori sono stati aperti dal saluto del presidente della sezione di Sondrio e vice presidente dell’Unione, Gionni Gritti e del Sindaco della città, Alcide Molteni.

Quindi è intervenuto il presidente dell’Unione, Fabio Bresesti, che ha sottolineato l’importante traguardo dei ventanni della festa, “una manifestazione che al di la’ del significato che tutti noi conosciamo ci consente di fare un bilancio di quel che è successo in questi anni”.

Il Presidente ha quindi ribadito i valori che appartengono al patrimonio culturale dell’artigianato quali laboriosità, attaccamento alla propria terra e alle sue tradizioni.

Bresesti ha inoltre voluto rivolgere un appello affinché gli imprenditori non perdano la fiducia verso la propria associazione, anche se in questa situazione risulta veramente difficile mettere in campo iniziative o attività in grado di smuovere le acque agitate dell’economia reale.

“A questi colleghi – ha continuato – ad esempio vorrei dire che non è mai venuto meno l’impegno del sistema confederale a tutti i livelli da quello nazionale a quello provinciale”

Non è mancato poi il riferimento alle problematiche del momento: “Il Paese si sta confrontando con straordinarie difficoltà e vere e proprie emergenze finanziarie. E’ bene essere consapevoli della dimensione globale dei problemi in campo. Il fatto che la congiuntura sia internazionale non significa però che un paese non possa fare comunque la propria parte.

Le manovre di finanza pubblica varate negli ultimi mesi ci consentono di raggiungere importanti obiettivi come il conseguimento del pareggio di bilancio.

Una scelta inevitabile, ma ancora una volta il tutto viene perseguito in buona parte attraverso il ricorso a maggiori entrate o con interventi che rinviano i deficit strutturali che si esauriscono nel tempo”.

“Appare necessario passare ad una seconda fase con obiettivi di crescita e di rilancio della competitività delle imprese. Una stagione di profonde riforme. “

“L’Italia produttiva delle piccole e medie imprese ha chiesto a più riprese al Governo azioni in grado di restituire fiducia verso le proprie potenzialità.”

Bresesti ha inoltre ricordato come il tema del credito sia stato “al centro della nostra attenzione. Lo abbiamo fatto confrontandoci con il nostro sistema bancario d’intesa e in sinergia con la società di servizi e la nostra “ARTIGIANFIDI” la nuova cooperativa fidi interprovinciale nata dalla fusione di nove cooperative fidi fra cui la nostra Arcofidi.

Concludendo il Presidente ha voluto esprimere riconoscenza agli artigiani premiati in quanto “a loro dobbiamo il nostro grazie per aver saputo interpretare al meglio e con senso del dovere il proprio ruolo di lavoratori e di protagonisti della vita economica e sociale.”

Alla cerimonia sono intervenuti numerose autorità che insieme ai presidenti delle sezioni dell’Unione hanno premiato gli artigiani. Erano presenti il Presidente della Provincia, Massimo Sertori, Il vice Presidente Pierpaolo Corradini, l’Euro Parlamentare Fiorello Provera, l’Onorevole Maurizio Del Tenno, i Consiglieri Regionali Ugo Parolo e Angelo Costanzo, il presidente della Camera di Commercio, Emanuele Bertolini.

In questa edizione sono stati premiati sei artigiani segnalati dalle rispettive sezioni: Edoardo Bormolini, Carpenteria metallica e lavorazione ferro, per la sezione di Bormio, Pierbattista De Piazza, Lavorazione artistica della Ceramica, Sezione di Grosio, Bruno Rainoldi, Trasporto persone, Sezione di Tirano, Gian Enrico Grosso, installatore di impianti termici Bruciatorista, Sezione di Sondrio, Mauro Damanti  Gelatiere, Sezione di Morbegno e Mauro Pandini, Autotrasportatore della sezione di Chiavenna.Significativo l’intervento del presidente di Confartigianato Lombardia, Giorgio Merletti, che ha sottolineato come la priorità da affrontare non sia la norma sui licenziamenti “gli artigiani – ha evidenziato – pongano la persona al centro della loro attenzione, gli artigiani non licenziano, ma considerano il lavoro un vero e proprio valore, assieme alla famiglia e al proprio territorio”.

Un riconoscimento è stato conferito anche a Stefania Scilironi e Giuseppe Locatelli di Sondrio da 25 anni dipendenti dell’Unione e a Severino Marchesi che da pochi mesi ha raggiunto l’età pensionabile.

La giornata si è conclusa come di consueto con il pranzo conviviale realizzato dal ristorante Jim Pini di Grosio.

La documentazione dell’evento

La Relazione del Presidente Fabio Bresesti

Gli artigiani premiati con l’Attestato di benemerenza:

Sezione di Bormio Edoardo Bormolini

Sezione di Morbegno Mauro Damanti

Sezione di Grosio Pierbattista De Piazza

Sezione di Sondrio Gian Enrico Grosso

Sezione di Chiavenna Mauro Pandini

Sezione di Tirano Bruno Rainoldi

I dipendenti di Confartigianato Imprese Sondrio  premiati per i 25 anni di attività:

Giuseppe Locatelli , Stefania Scilironi


Comments

Comments are closed.



  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina PFPValtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149