Affitti, arriva opzione per cedolare secca


11 aprile 2011

E’ entrato in vigore il 7 aprile il decreto sul federalismo municipale (n.23 del 14 marzo 2011) che, tra le novità, introduce la tassa “secca” sulle locazioni. Al posto di IRPEF, addizionale comunale e regionale, imposta di registro e imposta di bollo, si potrà versare un’imposta sostitutiva per i contratti a canone libero pari al 21% del canone d’affitto, mentre per quelli concordati pari al 19%.

Il locatore, persona fisica, proprietario o titolare di diritto reale di godimento di unità immobiliari abitative locate può esercitare liberamente l’opzione per la nuova cedolare, relativamente a ciascun immobile ad uso abitativo locato per finalità abitative e relative pertinenze locate congiuntamente all’abitazione. Il locatore ha in ogni caso la possibilità di revocare l’opzione in ciascuna annualità contrattuale successiva a quella in cui questa è stata esercitata.

Per i contratti nuovi registrati a partire dalla data del 7 aprile 2011, l’opzione viene indicata in sede di registrazione del contratto; per i contratti in essere, invece, il locatore indicherà la scelta per la tassazione secca direttamente nella dichiarazione dei redditi dell’anno prossimo (Unico o 730/2012). Fino al prossimo 6 giugno si potranno registrare i contratti di locazione i cui termini per l`adempimento scadono dal 7 aprile, decidendo se attivare il regime opzionale di tassazione.

Contestualmente, sempre nella giornata di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un provvedimento attuativo che disciplina le “modalità di esercizio dell’opzione per l’applicazione del regime della cedolare secca e le modalità di versamento dell’imposta”. (Vedi allegato).

Secondo ANAEPA-Confartigianato l’entrata in vigore della cedolare secca rappresenta indubbiamente una misura che potrà ridare ossigeno al comparto edile e favorire una maggiore trasparenza del mercato delle locazioni. L’applicazione di questo provvedimento dovrà, in ogni caso, essere valutata attentamente dai diretti interessati per appurarne l’effettiva convenienza rispetto all’attuale regime.

Scarica il testo dell’ art. 3 del decreto e il provvedimento dell’ Agenzia delle Entrate in pdf

Comments

Leave a Reply






  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina PFPValtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149