Aiuti alle imprese: i serramentisti e le falegnamerie ringraziano

“In caso di conflitto, le disposizioni di cui al regolamento (UE) n. 305/2011 prevalgono su quelle delle norme armonizzate”. Così recita una frase composta da sole 20 parole ed apparentemente lontana e poco impattante dagli interessi delle microimprese artigiane. serramenti_finestraQuesta frase al contrario può diventare importante specie per i piccoli produttori di serramenti e altri componenti edilizi, le microimprese come le definisce l’Unione Europea. Lo ha evidenziato il presidente di Confartigianato Legno Samuele Broglio, normatore a livello italiano ed europeo in un suo intervento pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista di settore “Guida Finestra”. Broglio spiega: “In pratica questa frase riportata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea taglia di netto ed in maniera ufficiale tutte le diatribe sull’applicabilità delle clausole di CPR in caso di norme non ancora aggiornate e conferma ciò che io ed altri come me sosteniamo dal 2011, ossia che le clausole del CPR sono applicabili per default ed hanno gerarchia superiore”. Sono almeno due le implicazioni pratiche a vantaggio di Serramentisti e falegnamerie:

1) L’esclusione dalla marcatura CE per i prodotti unici (Art.5 comma a), per prodotti assemblati in cantiere (Art.5 comma b, applicabile anche a serramenti non vetrati la cui provvista di vetri non sia stata effettuata dal fornitore dei serramenti) e per i prodotti destinati a stabili formalmente tutelati è operativa;

2) è permesso alle Microimprese “l’abbassamento” da 3 a 4 del sistema di valutazione e verifica della costanza della prestazione. Ciò significa che è permesso alle microimprese di utilizzare autonomamente i software per il calcolo dei nodi dei serramenti con la EN 10077-2”.

Ed è lo stesso Samuele Broglio a precisare che “Questo trafiletto è frutto anche dell’azione di lobbying di Confartigianato che assieme ai colleghi europei continua a esercitare una forte pressione sulla Commissione a tutela delle microimprese”.

Tag: , ,

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI