Appello a Massimo Sertori e agli uffici della Provincia. Il caso della ditta Tam Cave di Samolaco

Lunedì 28 ottobre a Busto Arsizio più di 1200 artigiani hanno manifestato al Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato tutta la loro pre­occupazione.

Non hanno chiesto favori ma di ridurre la pressione fi­scale, il costo del lavoro e di allentare la morsa della bu­rocrazia che toglie il respi­ro anche ai più dinamici im­prenditori.

La Tam Cave di Samolaco del signor Tarcisio Tam rap­presenta un caso di azien­da che non chiede favori ma solo di poter lavorare e oggi sono a rischio una par­te rilevante dei 30 posti di lavoro che la stessa garanti­sce assieme alla Beton Alpi società dello stesso gruppo. Quest’ultimo si occupa del­la produzione di inerti e di calcestruzzo per opere edi­li e fino ad oggi l’area (di proprietà) in località Vigaz­zolo ha garantito alle impre­se di lavorare.

La superficie autorizza­ta dalla Provincia di Son­drio (già stralciata e ridotta in fase di iniziale autoriz­zazione) è oggi in via di esaurimento e la mancanza di nuova materia prima sta creando non poche preoc­cupazioni in Valchiavenna e nelle famiglie dei suoi la­voratori.

Una possibile so­luzione è già al vaglio de­gli uffici della Provincia ma i tempi inspiegabilmente si stanno allungando; le assi­curazioni e le risposte tar­dano ad arrivare e i venti di preoccupazione soffiano sul futuro dell’azienda e di quella dei suoi lavoratori.

Eppure basterebbe au­torizzare un’ampliamento dell’area peraltro già con­templata in fase iniziale e riportare i confini al piano originario.

Ciò consentirebbe all’im­presa di avere nuova mate­ria prima e all’intera area di poter essere bonificata e resa idonea per l’utilizza­zione agricola o forestale.

L’appello in questo caso non è ad un Ministro della lontana Roma ma ad un’am­ministrazione che ha sem­pre mostrato attenzione e vi­cinanza al territorio.

Il signor Tam si è rivolto agli uffici di Chiavenna del­la Confartigianato e que­sto spazio se lo merita tut­to, proprio come la risposta da parte dell’Amministrazio­ne  Provinciale.

Tag: , , ,

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI