Bando ‘Dote Impresa – Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro’


18 aprile 2012

Con Decreto n. 2925 del 4 aprile 21012, pubblicata sul BURL – Serie Ordinaria n. 15 del 12 aprile 2012, Regione Lombardia – Direzione Generale Occupazione e politiche del lavoro, ha approvato il bando “Dote Impresa –  Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”, finalizzato a sostenere il miglioramento e l’innalzamento del livello delle conoscenze e competenze in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Con una dotazione finanziaria di 9 milioni di euro, la presente misura prevede l’attivazione di specifici percorsi formativi rivolti ai soggetti occupati nelle sedi operative delle MPI lombarde e ai quali è stata attribuita o si attribuisce una funzione in materia di sicurezze e salute sui luoghi di lavoro.

Sono escluse dalla misura:

  • le imprese che fanno riferimento a settori esclusi dal Regolamento (CE) n. 1998/2006 relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d’importanza minore («de minimis»);
  • le imprese che sono state sospese ai sensi dell’art. 14 del D.Lgs. 81/2008, per l’intera durata del provvedimento sospensivo.

In riferimento ai soggetti deputati alla realizzazione dei percorsi formativi, nel rispetto di quanto previsto dalla vigente normativa in materia di formazione alla sicurezza nei luoghi di lavoro, il bando individua le seguenti tipologie di soggetti deputati alla realizzazione degli stessi :

  • Soggetti legittimati (direttamente dalla legge): Regioni e Province autonome; Università; INAIL; Istituto italiano di medicina sociale; Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile; Amministrazione della Difesa; Scuola superiore della pubblica amministrazione; altre Scuole superiori delle singole amministrazioni; Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori; Organismi paritetici.
  • Soggetti assimilati (equiparati ai soggetti legittimati): Ministero del lavoro e delle politiche sociali; Ministero della salute; Ministero delle attività produttive; Ministero dell’interno: Dipartimento degli affari territoriali e Dipartimento di pubblica sicurezza; Formez; Istituti tecnici industriali, aeronautici, nautici; Ordini e collegi professionali, limitatamente ai propri iscritti.
  • Soggetti accreditati alla formazione, che operano in ambito regionale, in possesso di esperienza almeno biennale in ambito di prevenzione e sicurezza sul lavoro e presenza di docenti aventi esperienza almeno biennale in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro.

La dote, concessa in applicazione alle disposizione previste dal Regolamento CE in materia di aiuti di stato (regime de minimis) ed erogata sotto forma di voucher, verrà riconosciuta alla singola impresa, e non al singolo destinatario, per un valore massimo di 5 mila euro, e potrà essere utilizzata esclusivamente per la partecipazione ai percorsi formativi ammissibili.

La domanda di dote deve essere presentata, esclusivamente attraverso la procedura informatizzata accessibile dal sistema operativo regionale Gefo, accessibile dal sito www.lavoro.regione.lombardia.it, a far data dal 18 aprile 2012 (ore 12,00) e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Attraverso la sopra richiamata procedura l’impresa dovrà:

  • indicare il valore della dote richiesta e la tipologia di corso cui è interessato;
  • effettuare la propria dichiarazione sugli aiuti di stato;
  • dichiara di aver apposto marca da bollo di euro 14,62 su copia della domanda conservata agli atti.

A seguito della ricezione della comunicazione di accettazione della dote, l’impresa potrà attivarsi per far frequentare ai destinatari i percorsi formativi scelti, che dovranno concludersi entro e non oltre il 31 ottobre 2012.

La liquidazione della stessa potrà avvenire, sempre attraverso il sistema informativo Gefo,  solo a seguito di presentazione da parte dell’impresa, ed entro 60 giorni dalla chiusura delle attività, e comunque entro il 31 dicembre 2012, della seguente documentazione:

  • domanda di liquidazione per l’importo della dote aziendale assegnata;
  • fatture quietanzate emesse dall’organismo di formazione e intestate all’azienda/istituto per i corsi fruiti;
  • copia di estratto conto o bonifico a prova dell’avvenuto pagamento (che potrà avvenire solo tramite bonifico);
  • attestati di partecipazione, rilasciati dall’ASL o dall’Ente formatore, che certifichino la frequenza, riportanti i dati identificativi del partecipante, il titolo del corso con la relativa durata, l’organismo di formazione, la sede e il periodo di svolgimento;
  • nel caso in cui l’organismo di formazione non sia un operatore accreditato ai servizi formativi, un’università oppure un consorzio universitario, dichiarazione certificante il possesso dei requisiti previsti.

Riferimenti Claudio Sciuccati, Direttore Formazione di ELFI e Carlo  Piccinato, Coordinatore Regionale Commissione Ambiente e Sicurezza.

Decreto 2925 , Avviso , Allegato 2 , Allegato 3 , Allegato 4 , Allegato 5

Comments

Leave a Reply






  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149