Bonus mobili ed elettrodomestici


15 maggio 2017

Con la Legge di Bilancio 2017, fino al 31 dicembre 2017 è stato prolungato il bonus mobili per chi chiederà una detrazione del 50% per i lavori di recupero edilizio intrapresi a partire dal 1 gennaio 2016 (l’inizio dei lavori andrà documentato come da modalità prevista dalla tipologia dei lavori) per un massimo di € 10.000 di detrazione da spalmare su 10 anni, a patto che i mobili e i grandi elettrodomestici acquistati (anche tramite finanziamento) siano destinati all’immobile ristrutturato. Una novità riguarda il metodo di pagamento. Per usufruire della detrazione non sarà più necessario, come in precedenza, il cosiddetto bonifico parlante (con tutte le informazioni sulla destinazione del pagamento), ma sarà sufficiente quello ordinario, oppure un pagamento bancomat o carta di credito. Saranno detraibili i pagamento effettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2017.

Gionni Gritti

Gionni Gritti

“I Bonus fiscali – afferma Gionni Gritti, Presidente di Confartigianato Imprese Sondrio – continuano ad essere uno strumento di estrema importanza per dare ossigeno alle imprese del comparto, il più colpito dalla crisi e che si trova in un momento in cui deve sfruttare al massimo tutti gli incentivi per cavalcare la ripresa. Come Confartigianato da anni ci battiamo per far si che i bonus fiscali sulle ristrutturazioni siano resi strutturali dal Governo. A livello locale, abbiamo sin da subito compreso l’importanza di questi strumenti non solo per le aziende che rappresentiamo ma per tutto il territorio.”

“Riqualificare il patrimonio esistente – aggiunge Paolo Panizza – Presidente provinciale della Categoria Edilizia – oltre ad essere una delle principali linee guida europee, significa migliorare la qualità della vita, avere edifici più sicuri, più efficienti

Paolo Panizza

Paolo Panizza

e con un valore estetico più elevato. Senza contare che il contenimento delle nuove costruzioni si traduce in un risparmio del territorio. Grazie ai nuovi materiali e alle moderne soluzioni tecnologiche gli immobili possono essere rivalutati fornendo inoltre forti vantaggi economici per i proprietari.”

“Vale la pena ribadire – prosegue Gritti – che in una realtà montana a vocazione turistica il miglioramento del patrimonio immobiliare si traduce in un vantaggio per tutti ovvero per i singoli proprietari e per l’intera collettività. Un territorio più rispettoso dell’ambiente ha una leva in più sul piano del marketing territoriale. Negli anni scorsi non sono mancate le iniziative territoriali per sensibilizzare la società, a partire dal Progetto Casa, strumento distribuito per due anni consecutivi in maniera capillare alle oltre 180 mila famiglie residenti in Valtellina e Valchiavenna e realizzato in sinergia con l’Ordine degli Ingegneri, l’Ordine degli Architetti, il Collegio dei Geometri ed il Collegio dei Periti Industriali della provincia di Sondrio assieme ai tre principali istituti di credito operanti localmente Gruppo Creval, Banca Popolare di Sondrio, Ubi-Banca, che ha avuto l’importante patrocinio di Provincia di Sondrio e BIM Adda. In più, non possiamo dimenticare i vantaggi per coloro che volessero adottare gli standard qualitativi previsti, garantiti e certificati dal Protocollo Valtellina EcoEnergy,  protocollo volontario per la certificazione del processo di efficientamento energetico degli edifici”

Comments

Comments are closed.



  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149