Camera di Commercio: analisi economica della provincia nell’ultimo trimestre 2009


1 marzo 2010

Il presidente della Camera di Commercio di Sondrio Emanuele Bertolini: ‘Il peggio sembra alle spalle ma serve il massimo impegno’

Segnali ancora contrastanti, sospesi tra aspettative irrealizzate e speranze alla ricerca di conferma, caratterizzano l’economia della provincia di Sondrio nell’ultimo trimestre del 2009 fotografato nella Relazione Congiunturale della Camera di Commercio. Se nell’industria la valle realizza la performance meno negativa degli indici di produzione di tutta la Lombardia, nell’artigianato cresce la produzione ma il trend rimane negativo e nel commercio diminuisce  ancora il volume d’affari.

Buone notizie sul fronte della cassa integrazione, alla quale le imprese della provincia di Sondrio sono ricorse in misura minore rispetto alla media lombarda, e del turismo che fa segnare una variazione positiva rispetto allo stesso  trimestre del 2008. Tendenza ancora negativa per l’import-export, sia pure con dati migliori per le importazioni che ricominciano a salire.

“Il quadro delineato lascia intravedere qualche segnale positivo – sottolinea il Presidente Emanuele Bertolini – seppure rimangano evidenti criticità figlie di una crisi che non ci siamo ancora lasciati alle spalle. Il peggio sembra passato, ma l’impegno deve essere massimo per uscire definitivamente da questo periodo difficile e guardare con rinnovato ottimismo al futuro”. 

La crescita del Pil potrebbe arrivare fino al 2% in Europa nel 2010, confermando una sia pur ancora debole ripresa nel contesto internazionale. In Italia nel quarto trimestre il Pil ha rallentato (-0,2%) rispetto al lieve aumento fatto segnare nel periodo precedente senza peraltro intaccare il generale clima di recuperata fiducia. I segni di una fragile ripresa sono ben visibili anche in provincia di Sondrio dove la diminuzione delle imprese attive è contenuta entro le 40 unità su un totale di 15.487. Indicatori strategici, che anticipano le dinamiche di produzione e fatturato, sono gli ordinativi, già cresciuti, a livello industriale, nel terzo trimestre del 2009, ancora in aumento (solo quelli interni), seppure con un valore indice per l’anno di nove punti più basso rispetto del 2008. La timida ripresa è confermata dai dati positivi per produzione industriale, utilizzo degli impianti e fatturato. La stessa dinamica si rivede anche per le imprese artigiane, la cui crescita degli ordinativi del terzo trimestre si è tradotta nel quarto in valori positivi per fatturato e produzione. Gli ordinativi sono però in diminuzione negli ultimi mesi dell’anno nella componente   interna  che  ne  rappresenta la  quota  prevalente.   Rallenta  anche l’occupazione (-0,95%  rispetto al terzo trimestre).

In prospettiva 2010, lo studio evidenzia  per l’industria aspettative positive per la domanda estera ma negative per l’occupazione e la produzione; nell’artigianato i segnali sono positivi per tutte le variabili ad eccezione dell’occupazione.

Emanuele Bertolini

Dati più negativi rispetto al trimestre precedente caratterizzano il settore del commercio e dei servizi: il settore alimentare rallenta la caduta registrata fra luglio e settembre, mentre quello non alimentare peggiora la sua situazione rispetto al  2008.  Oltre il 40% delle imprese campione registra una diminuzione degli ordini ai fornitori, ma il saldo occupazionale fra ingresso e uscita è positivo. Nel turismo il saldo su base annua è positivo con un aumento di arrivi (+9,89%) e presenze (+5,82%)- dati relativi al terzo trimestre e variazioni sullo stesso trimestre dell’anno precedente – crescono sia gli italiani che gli stranieri, questi ultimi in maniera più significativa (+11,16%). Il trend sembra segnare una ripresa.

La cassa integrazione in Lombardia ha riguardato in media il 4,9% delle ore lavorate con un lieve aumento rispetto al trimestre precedente. Nella nostra provincia sono state autorizzate oltre 270 mila ore, il 23% in meno rispetto al trimestre precedente ma il 228% in più rispetto allo stesso periodo del 2008. La cassa integrazione guadagni in deroga, che coinvolge le aziende con meno di 15 dipendenti, è aumentata del 54% su base trimestrale sfiorando le 31 mila ore complessive, per il 75% nel settore dell’edilizia.

“Le imprese necessitano di supporto e di servizi efficienti che –prosegue il Presidente Bertolini– come Ente camerale cerchiamo di non far mancare: le iniziative straordinarie promosse lo scorso anno proseguiranno anche nel 2010 per accompagnare una ripresa che tutti attendiamo”. 

1/3/10

Comments

Leave a Reply






  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149