Click day Inail: la denuncia delle associazioni di categoria

‘In tilt il sistema informatico di Inail, centinaia di imprese escluse dai finanziamenti per la sicurezza’

Le associazioni delle categorie produttive della provincia di Sondrio (Confartigianato Imprese Sondrio, Confindustria Sondrio, Unione del Commercio, del Turismo e dei Servizi Sondrio) sono compatte nel denunciare come il click day sugli incentivi Inail alla sicurezza per le imprese si sia trasformato nell’ennesima beffa.

Infatti, in occasione dell’apertura avvenuta il 12 gennaio, del bando Inail 2010 che prevedeva contributi a fondo perso per interventi legati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, il sistema informatico dell’ente è andato in tilt facendo perdere la possibilità a diverse imprese di inoltrare la domanda di richiesta di contributo.

E nel giro di un’ora, una volta ripreso il collegamento con il portale, le risorse messe a disposizione erano già terminate, una beffa per le aziende che ora esigono una spiegazione dell’accaduto.

Fabio Bresesti

L’inefficienza del sistema è denunciata congiuntamente da Fabio Bresesti, presidente di Confartigianato Imprese Sondrio, Paolo Mainetti, presidente di Confindustria Sondrio e da Marino del Curto, presidente dell’Unione del Commercio, del Turismo e dei Servizi di Sondrio, i quali dichiarano che “il collasso del click day era prevedibile visto il numero di imprese interessate a tale finanziamento su tutto il territorio nazionale; non possiamo non rimarcare l’impreparazione tecnologica che ha portato ad assegnare i contributi solo alla casualità e alla velocità di un click”.

“È necessario intervenire perché si corregga l’attuale sistema che favorisce una disparità di trattamento fra le imprese, mentre in questi casi riteniamo che vadano sempre privilegiati criteri maggiormente meritocratici”.

Le associazioni di categoria univocamente esprimono preoccupazione per il rischio che non vengano assegnati i fondi: in questo senso sarebbe stato più utile realizzare un meccanismo che permettesse di presentare le domande eccedenti i fondi, costituendo così una graduatoria, da cui pescare nel caso di incompletezza o anomalie di inammissibilità di alcune delle domande presentate.

“Sarebbe assurdo che, oltre al danno di non aver potuto presentare le domande di contributo, le imprese dovessero subire la beffa della non assegnazione di quote di contributi”.

Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI