Congiuntura III trimestre 2010: prima svolta tendenziale positiva per l’artigianato manifatturiero


28 ottobre 2010

Bene siderurgia e meccanica, situazione ancora difficile per il comparto del legno-arredo e per le imprese più piccole

Giorgio Merletti

“I dati della congiuntura relativa al terzo trimestre 2010 confermano una affermazione che fin dall’inizio della crisi abbiamo sempre sostenuto: “questa crisi è diversa dalle altre”. Occorre avere consapevolezza di questo aspetto, che implica precise conseguenze per la sua gestione da parte di tutti: imprese, istituzioni, associazioni di rappresentanza” – così sostiene Giorgio Merletti, Presidente regionale di Confartigianato Lombardia.

I dati congiunturali indicano un rallentamento della crescita della produzione industriale lombarda: +4,8% la variazione su base annua (contro il +5,9% dello scorso trimestre) e -1,2% la variazione destagionalizzata sul trimestre precedente.

Va relativamente meglio per le aziende artigiane manifatturiere, che a fronte di un assestamento congiunturale della produzione (variazione nulla del dato destagionalizzato), fanno registrare per la prima volta dopo molti trimestri una  svolta tendenziale positiva (+1%).

Nel terzo trimestre 2010 registrano variazioni positive quasi tutti i settori industriali.

Più variegata la situazione per i settori dell’artigianato, dove a fronte di un miglioramento generale, hanno ancora il segno meno sei settori su undici, con variazioni annue negative comprese tra il -4,9% del legno-mobilio e il -2,5% dell’abbigliamento. Andamento positivo invece per i settori della siderurgia (+5,6%), della meccanica (+4,0%), della gomma-plastica (+3,1%), pelli-calzature (+2,1%) e carta-editoria (+1,3%).

I dati sulla produzione per classe dimensionale evidenziano nell’artigianato risultati direttamente proporzionali alla dimensione aziendale, con i migliori risultati per le imprese maggiori: +3,0% quelle con più di 10 addetti e +1,7% quelle da 6 a 9 addetti. Le micro imprese registrano ancora una contrazione della produzione su base annua (-1,7%).

Si stabilizza la quota di aziende che registra forti incrementi dei livelli produttivi.

Anche nell’artigianato, a fronte del 24% di aziende stazionarie, il 35% registra in questo trimestre variazioni tendenziali molto positive (la quota era 34% lo scorso trimestre) ed è del 32% la quota di imprese con variazioni molto negative (34% lo scorso trimestre).

L’occupazione, nel quadro instabile complessivo, mostra per l’artigianato un saldo occupazionale  negativo (-0,2%). La quota di aziende artigiane che hanno utilizzato ore di CIG nel trimestre è scesa al 10,8%, con una quota sul monte ore trimestrale dell’1,6%.

Il mondo dell’artigianato – commenta a questo proposito Merletti – ha reagito e continua a reagire alla crisi, come testimoniano le storie di diversi artigiani che hanno superato la crisi attraverso la ridefinizione e la diversificazione del proprio business. C’è una spinta a costruire utili d’impresa, anche per mezzo della nascita di nuove aggregazioni. Confartigianato Lombardia e le Associazioni territoriali hanno fatto e continuano a fare la loro parte, fino in fondo, per porsi come un sostegno concreto alla crescita delle imprese”. E conclude, “resta l’enigma di un sostegno all’accesso al credito che provenga anche dalle Istituzioni: è un aspetto fondamentale. Chiediamo con forza alla Regione, per dare certezze alle 160.000 imprese che hanno già chiesto e a tutte quelle che lo stanno richiedendo, di contribuire in questa fase delicata al rafforzamento strutturale di Federfidi, uno strumento oggi decisivo”.

Le aspettative. Nel caso dell’artigianato si consolida l’inversione di tendenza già rilevata negli scorsi trimestri per produzione e domanda estera, che registrano un nuovo saldo positivo. Per gli ordini interni e l’occupazione prevalgono ancora i pessimisti, con il 90% degli imprenditori artigiani che prevede stabilità dei livelli occupazionali.

Comments

Leave a Reply






  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina PFPValtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149