Correttivo appalti, accolte le richieste di Confartigianato per le Micro e Piccole imprese


21 aprile 2017

Affidamento ‘a chilometro zero’, gare al massimo ribasso fino a 2 milioni di euro, semplificazione delle procedure di accesso alle gare pubbliche con il principio dell’interoperabilità delle banche dati, limite all’ambito di applicazione dei criteri ambientali minimi nell’edilizia, nuova definizione di rating d’impresa non penalizzante per le piccole imprese.

Giorgio Merletti

Giorgio Merletti

Con queste importanti modifiche si chiude il lungo iter del Decreto Correttivo del Codice Appalti che ha avuto il via libera definitivo del Governo nella seduta del 13 aprile scorso. “Modifiche positive che recepiscono le sollecitazioni di Confartigianato per consentire agli artigiani e alle piccole imprese di cogliere le opportunità del mercato degli appalti pubblici, come indicato dalle Direttive europee ispiratrici della riforma del Codice dei contratti pubblici”.

Questo il primo commento del Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti sul decreto correttivo al Codice dei contratti pubblici approvato dal Consiglio dei Ministri. In attesa di conoscere i dettagli del testo definitivo anche il Presidente di Anaepa-Confartigianato Edilizia, Arnaldo Redaelli,  esprime soddisfazione per la valorizzazione della filiera corta con modalità di affidamento

‘a chilometro zero’ fortemente sostenuta dall’ANEAPA: si tratta della possibilità per le stazioni appaltanti di riservare la partecipazione alle micro, piccole e medie imprese che abbiano sede legale e operativa nel territorio regionale di esecuzione dei lavori per una quota non inferiore al 50% del totale delle aziende partecipanti.

Una misura che fa parte di un documento di proposte di modifica avanzate dal Tavolo della filiera delle

Gionni Gritti

Gionni Gritti

costruzioni – del quale fa parte Anaepa-Confartigianato Edilizia – e presentato nei giorni in vista dell’approvazione del Correttivo al Codice. Confartigianato apprezza particolarmente l’innalzamento a 2 milioni di euro

della soglia di utilizzo del criterio del prezzo più basso per assegnare le opere con l’applicazione dell’esclusione automatica delle offerte anomale con metodo “antiturbativa”.

Le novità introdotte sono state accolte con favore anche a livello provinciale. In particolare la soddisfazione è stata sottolineata dal Presidente di Confartigianato Imprese Sondrio Gionni Gritti che ha sottolineato da subito “Le modifiche apportate e mi riferisco in particolare al “chilometro zero” rendono omaggio all’impegno profuso in questi anni dalla nostra associazione.

Penso ad esempio alla Campagna di sensibilizzazione del 2015 “Affidati alle imprese del territorio” o ai Convegni organizzati a Chiavenna e a Valdidentro dalle rispettive Sezioni e dal Direttivo dell’Edilizia in cui si è ribadita con forza la necessità di valorizzare le imprese locali negli appalti pubblici. Il tutto dimostra che siamo ed eravamo sulla strada giusta”.

Comments

Comments are closed.



  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149