Dal 30 luglio bellezza senza rischi con le nuove regole sulle apparecchiature estetiche.


1 agosto 2011

Confartigianato: “Bene nuove norme. Ma attenzione a operatori abusivi”

Bellezza e sicurezza d’ora in poi andranno a braccetto grazie alle nuove regole per l’uso delle apparecchiature dei centri estetici che entreranno in vigore il 30 luglio.

Ci sono voluti 21 anni, ma alla fine sono arrivate, scritte in un decreto che porta la firma del Ministro per la Salute e del Ministro per lo Sviluppo Economico.

Il provvedimento stabilisce le caratteristiche tecniche e le modalità di utilizzo delle attrezzature che servono a migliorare il nostro aspetto fisico, dai laser per la depilazione fino alle lampade abbronzanti.

Niente più dubbi e incertezze, dunque, per imprenditori e clienti di un settore in cui operano circa 30.000 aziende e dove ogni giorno si eseguono 120.000 trattamenti estetici.

Si tratta di regole a difesa della sicurezza dei consumatori che Confartigianato Estetica chiede da molto tempo, fin dal 1990, anno di entrata in vigore della legge che disciplina l’attività di estetista.

“L’estetica è un settore fondamentale nella filiera della bellezza – sottolinea Anna Parpagiolla, presidente di Confartigianato Estetica – ma è anche tra i più esposti ai rischi di contaminazione di operatori abusivi e delle contraffazioni dei macchinari usati per i trattamenti. Ecco quindi la necessità di regole chiare in nome della qualità delle prestazioni delle imprese di estetica e della sicurezza dei loro clienti”.

E proprio per evitare rischi alla salute, le estetiste di Confartigianato invitano a non mettersi nelle mani sbagliate. Come quelle dei massaggiatori improvvisati che in questi mesi invadono le spiagge italiane offrendo prestazioni a prezzi stracciati.

Confartigianato Estetica si batte da anni per sensibilizzare i consumatori sui rischi dei trattamenti effettuati da mani inesperte e senza rispettare le norme igieniche.

Gli appelli di Confartigianato hanno trovato ascolto: a mettere un freno a questo fenomeno ci ha pensato il Sottosegretario alla Salute Francesca Martini con un’ordinanza emanata nei giorni scorsi e che per tutta la stagione estiva e su tutti i litorali italiani vieta i massaggi effettuati da operatori irregolari.

Insomma, con la salute non si scherza. Chi vuole essere bello senza correre rischi non deve fare altro che rivolgersi ad un centro estetico in regola: potrà contare su operatori qualificati ed aggiornati e che rispettano le leggi su igiene e sicurezza.

Comments

Leave a Reply






  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149