Gionni Gritti: ‘La burocrazia, una brutta bestia’


17 giugno 2013

‘So bene che chi occupa ruoli di responsabilità, sia nella vita privata che in quella pubblica, è tenuto a comportamenti ispirati all’equilibrio e alla mediazione.

Tiro un sospiro e manifesto la mia profonda indignazione per il balletto dei politici che vanno in televisione e si lamentano delle cose che invece toccano da vicino i cittadini e, per quanto ci riguarda, gli artigiani, i commercianti, gli imprenditori e i coltivatori.

Gionni Gritti

Ma la lezione delle politiche e il fallimento dei ballottaggi, di la da chi ha vinto o ha perso, non sono bastati per far capire che sono sull’orlo del baratro, e noi con loro, per colpa loro?

Si sa che un capitolo decisivo nella crisi in atto da ormai sette anni riguarda la burocrazia, una sorta di piovra dai mille tentacoli che strangola chiunque voglia intraprendere in questo Paese, e il semplice cittadino alle prese con adempimenti quotidiani che diventano veri e propri rebus, motivo di angoscia specie per gli anziani costretti a districarsi in un ginepraio di carte e di visti.

Ma è possibile che a segnalare l’infernale burocrazia, ad additarla come causa principale del mancato sviluppo e persino del distacco della gente dalla politica e dalle istituzioni, siano personaggi che sono stati nominati, non eletti, per snellire la pletora di leggi enorme che ci espongono al ludibrio del mondo intero?

E’ come se un direttore di orchestra fischiasse la stecca di un suo tenore. I fischi per definizione spettano al loggione e alla curva. E il loggione siamo noi, che assistiamo alle opere maldestre di una classe politica e di un esercito di funzionari e impiegati che vivono di pratiche e di pratiche ci fanno morire.

Qualche anno fa un Istituto di ricerca svelò che la legislazione sull’ambiente (regole nuove per un settore ancora sconosciuto o poco frequentato) aveva impostazione e singole norme diverse nelle venti Regioni Italiane.

E non mi si venga a parlare di peculiarità. E’ il classico caso dei burocrati che dettano Legge, dei politici subalterni ai dirigenti e spesso costretti a farlo perché non essendo competenti di nulla hanno bisogno del parere del funzionario.

E’ uno sfogo questo, ma provate Voi a sbrigare le faccende di bottega la mattina e poi dedicarsi con passione e entusiasmo ai problemi della categoria e accorgersi, spesso, che si è impotenti: perché la burocrazia colpisce anche nei territori e anche qui sembra che si faccia apposta per complicare le cose semplici.

Vige un sistema di griglie che trasformano l’iter di una pratica in una corsa a ostacoli. E poi dicono che i giovani dovrebbero lavorare di fantasia e intraprendere, inventare nuovi mestieri, competere.

Tutto bello finché non si accorgono quanti passaggi inutili li aspettano al varco e come il futuro riservi frustrazioni e tanta voglia di cambiare aria.’

Comments

Comments are closed.



  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina PFPValtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149