Grave lutto nel sistema Confartigianato per la scomparsa di Marino Bergamaschi

Si è spento martedì scorso al termine di una riunione a Milano, colpito da un improvviso malore Marino Bergamaschi, direttore generale dell’Associazione Artigiani della Provincia di Varese-Confartigianato, lascia la moglie, due figli e un ricordo di sé che difficilmente il tempo potrà cancellare.

Nato a Soragna, in provincia di Parma, nel 1947, la sua vita professionale è stata divisa tra il sindacato e l’Associazione Artigiani. Nel 1965 Bergamaschi cominciò a lavorare al Centro Studi di Firenze della Cisl. Nel 1987 ricoprì l’incarico di vicesegretario regionale di Confartigianato Lombardia e nel 1989 divenne direttore di Confartigianato Alto Milanese di Legnano per poi arrivare, dieci anni dopo, a ricoprire il ruolo di direttore di

Marino Bergamaschi

Confartigianato Imprese Varese. Per ricordare solo alcune degli incarichi professionali, l’ultimo dei quali lo ottenne lo scorso anno: amministratore delegato di Federfidi Lombarda, il consorzio fidi di secondo livello intersettoriale a cui aderiscono i Confidi di espressione artigianale, industriale, dell’agricoltura e della Cooperazione.

Bergamaschi aveva fatto del lavoro la sua passione di vita, l’impresa era per lui una famiglia, non solo quella di Varese, ma quella della Lombardia e di Confartigianato nazionale e per tutti è stato un consigliere prezioso, perché per lui la famiglia e la persona erano sempre degne di attenzione.

Per il presidente di Confartigianato Imprese sondrio, Fabio Bresesti,  la perdita di  Marino rappresenta una inaspettata e profonda ferita, per tutto il mondo dell’artigianato. “A noi – aggiunge Bresesti – piace ricordare la passione e la competenza che metteva in ogni azione, la dedizione al lavoro e i suoi interventi passionali. Tutti noi esprimiamo alla famiglia, ai collaboratori e a coloro che gli erano vicini il nostro affetto e ne condividiamo il dolore. Lo ricorderemo sempre per il grande contributo che ci ha lasciato, per la sua amicizia e per la sua sensibilità.”

Scrive di lui il Segretario Generale di Confartigianato Cesare Fumagalli “questo ed altro è Marino, per noi e per la sua Famiglia. Tutti lo piangiamo ma tutti lo ricordiamo vivo e appassionato come sempre. In questo modo lo abbiamo a fianco ogni giorno e ogni volta avremo ancora il suo consiglio e il suo sorriso”.

Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI