Guerrini nuovo Presidente di Rete Imprese Italia


4 gennaio 2011

Cambio della guardia al vertice di Rete Imprese Italia, la holding delle Pmi che associa cinque organizzazioni, Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato e Casartigiani.

Dal primo gennaio il testimone è passato infatti a Giorgio Guerrini, Presidente di Confartigianato, che per il prossimo semestre, svolgerà la funzione di Presidente pro-tempore. E’ il secondo incarico dalla nascita ufficiale della super-organizzazione delle Pmi del commercio, artigianato, servizi: è stato infatti Carlo Sangalli, Presidente di Confcommercio, a guidare Rete Imprese Italia dal maggio 2010.

Il nuovo presidente eredita un pacchetto di impegni oneroso: incassata la proroga di cinque mesi del Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, il primo campo di battaglia sarà la pressante richiesta al governo di una riforma fiscale, incrociandosi con il federalismo, punti a due obiettivi: la semplificazione e la riduzione della pressione fiscale.

Giorgio Guerrini

Poi accesso al credito, impulso al cantiere-riforme, sicurezza sociale, costi energetici. E soprattutto stop alla tassa-burocrazia. La necessità più volte ribadita, di sfrondare la mole di adempimenti a carico delle imprese si scontra infatti con nuovi carichi burocratici all’orizzonte.

Dal primo gennaio scatta infatti l’obbligo di valutazione del rischio da stress da lavoro: una verifica a carico di tutte le imprese, da realizzare attraverso riunioni, colloqui con i dipendenti, focus group fino alla consulenza di psicologi ed esperti per risolvere i problemi.

Dal primo maggio 2011 poi, è in agguato l’obbligo di segnalazione telematica al fisco di ogni operazione e acquisto oltre i 3.600 euro. La realtà economica di Rete Imprese vanta numeri pesanti: oltre 2,6 milioni le aziende rappresentate su una rappresentanza potenzialedi 4,2 milioni di piccole e medie imprese attive nei settori del commercio, artigianato, manifatturiero e servizi. Un tessuto produttivo che dà lavoro a 14,5 milioni di persone di cui 9 miglioni sono dipendenti.

Il futuro di Rete Imprese Italia sta nel lavoro comune già fatto e da fare insieme per contribuire al rilancio del Paese – afferma Giorgio Merletti Presidente di Confartigianato Lombardia. Il ruolo delle MPI è stato determinante per uscire dalla crisi, questo non va dimenticato e deve essere valorizzato. Il consolidamtno sul territorio sarà il necessario completamento per dare forza al progetto.

Comments

Leave a Reply






  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149