ICI, versamento saldo 2010


13 dicembre 2010

Entro il prossimo 16 dicembre i soggetti che detengono, a titolo di proprietà, usufrutto, uso, diritto di abitazione, in qualità di locatari nei contratti di leasing, fabbricati o aree fabbricabili sono tenuti a versare il saldo ICI 2010, ovvero l’ intero ammontare dell’imposta dovuta per tale anno, se il Comune ne ha previsto la possibilità.

Si riepilogano le modalità di calcolo e di versamento dell’imposta rammentando che per il versamento può essere utilizzato il bollettino di c/c/p appositamente predisposto o il mod. F24 nel quale è possibile compensare l’imposta dovuta con eventuali crediti.

Ricordiamo che è prevista l’esenzione ICI per gli immobili adibiti ad abitazione principale o assimilati, con esclusione di quelli appartenenti alle categorie catastali A/1 (abitazioni signorili), A/8 (ville) A/9 (castelli e palazzi di pregio artistico storico) che risultano assoggettati all’imposta anche se adibiti ad abitazione principale.

La base imponibile ICI varia in funzione della tipologia dell’immobile, la rendita catastale deve essere rivalutata in base al coefficiente del fabbricato (140 se di categoria B, 100 cat. A e C, 50 cat. A/10, 34 cat. C/1 e 50 se cat. D con rendita).

Per gli immobili di categoria D di proprietà di imprese, privi di rendita catastale, la base imponibile è rappresentata dal costo di acquisto (al lordo degli ammortamenti) maggiorato delle spese incrementative iscritte in bilancio, moltiplicato per il coefficiente. Le spese incrementative sostenute nel 2010 non hanno rilevanza ai fini dell’imposta di tale anno. La base imponibile ICI si determina considerando la rendita catastale a partire dall’anno successivo a quello di attribuzione della stessa.

Ricordiamo inoltre che:

– Se gli immobili sono posseduti da più soggetti, ciascuno è tenuto al versamento dell’imposta per la propria parte. Rientra tuttavia nella potestà del Comune ritenere valido il versamento effettuato da uno solo dei proprietari anche per conto degli altri.

– Per gli immobili acquisiti o ceduti in corso d’anno l’imposta va ragguagliata ai mesi di possesso, tenendo conto che il mese nel quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni è computato per intero.

– Se nel 2010 si è verificata una variazione nella destinazione (esempio: immobile adibito nel 2010 ad abitazione principale), è necessario distinguere a seconda che l’evento si sia verificato prima o dopo al versamento dell’acconto. Infatti, se la variazione è intervenuta prima, già in sede di determinazione dell’acconto stesso si doveva considerare la nuova situazione, applicando le relative aliquote e detrazioni previste per il 2009, se la variazione è intervenuta successivamente, l’acconto è stato determinato in base alla precedente situazione e in sede di saldo è necessario considerare il cambio di destinazione.

Comments

Leave a Reply






  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina PFPValtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149