Marchio collettivo per valorizzare e promuovere le nostre eccellenze


26 luglio 2012

Già definiti i disciplinari per latte fresco, Scimudin, pietra ollare e Pizzoccheri

Il marchio collettivo geografico come segno distintivo e vessillo della qualità per informare i consumatori sulle caratteristiche dei prodotti e per tutelare l’identità locale di prodotti e servizi: una nuova opportunità per promuovere i nostri prodotti tipici.

Dopo aver completato l’iter per la definizione dei disciplinari del latte fresco, dello Scimudin, della pietra ollare e dei pizzoccheri della Valtellina, con i rispettivi regolamenti per il deposito dei marchi collettivi, la Camera di Commercio lancia la seconda edizione del progetto di sostegno alla realizzazione di marchi collettivi geografici per prodotti e servizi che si caratterizzano per una forte identità locale e che, per conseguenza, sono meritevoli di tutela.

“Il consumatore, spesso il turista – sottolinea il presidente Emanuele Bertolini – cerca i prodotti made in Valtellina, come garanzia di qualità e di tipicità. Con il marchio collettivo geografico i produttori possono contare su un veicolo promozionale in grado di distinguere  e valorizzare la loro produzione. La consideriamo una grande opportunità, in particolare per un territorio qual è il nostro, nel quale qualità e tipicità sono strettamente correlate, per questo

Emanuele Bertolini

mettiamo a disposizione e finanziamo un servizio per la predisposizione di questi marchi. Dopo il successo della prima edizione del nostro progetto, auspichiamo ora un allargamento delle adesioni”.

Con questo servizio, di natura tecnica, come esplicitato nell’avviso pubblicato sul sito internet istituzionale, la Camera di Commercio fornirà l’assistenza necessaria per la definizione delle procedure legate al deposito di un marchio collettivo geografico, dall’elaborazione del disciplinare produttivo fino al regolamento, assumendone integralmente a proprio carico i costi e mettendo a disposizione risorse professionali altamente qualificate, attraverso la società DINTEC, partecipata dal sistema camerale nazionale.

Destinatari dell’intervento sono i soggetti associati o aggregati, già esistenti o di nuova costituzione, che siano rappresentativi di imprese che operano nel settore dove è realizzato il prodotto o il servizio di cui si propone la certificazione.

Il marchio collettivo geografico apre la strada alla concessione del marchio “Valtellina”, secondo il nuovo regolamento in vigore dal 2012. Le procedure dovranno essere effettuate entro il 31 dicembre di quest’anno.

Le richieste di ammissione all’intervento camerale, corredate dalle informazioni necessarie, dovranno pervenire, anche in via telematica (albi.ruoli@so.legalmail.camcom.it), entro il 10 settembre 2012.

Il progetto è finanziato da Unioncamere.

Comments

Comments are closed.



  • Tesseramento 2018

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina PFPValtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149