Piano antimafia, imprese: modificare norma tracciabilità flussi finanziari

Bloccati pagamenti della PA e stipula nuovi contratti

Confindustria  e  Rete Imprese Italia (Confcommercio, Confartigianato, CNA, Casartigiani, Confesercenti) condividono gli obiettivi del Piano straordinario contro le mafie, ma ribadiscono la necessità e l’urgenza di modificare la norma riguardante l’obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari nei rapporti con la pubblica amministrazione per consentirne la corretta ed efficace applicazione da parte di tutti i soggetti, pubblici e privati.


Questa disposizione sta causando, infatti, seri problemi applicativi, con il conseguente blocco dei pagamenti da parte della PA alle imprese e il rinvio della stipula di nuovi contratti di appalto per lavori, servizi e forniture.
Le Organizzazioni imprenditoriali sollecitano, pertanto, un intervento normativo che, da un lato, chiarisca le modalità applicative del nuovo obbligo e, dall’altro, ne sospenda l’efficacia per tutti i contratti, per permettere alle imprese e alle stazioni appaltanti di attuare gli adempimenti richiesti dalla legge e di procedere ai necessari adeguamenti gestionali e contabili.

Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI