Bando ‘AL VIA’ di Regione Lombardia

Da luglio 2017 è possibile presentare le domande per la partecipazione al bando di Regione Lombardia ‘AL VIA’.

Il bando prevede un finanziamento erogato per tramite di Finlombarda e degli intermediari convenzionati per investimenti per il rilancio di attività produttive, comprendendo anche una piccola percentuale a fondo perduto.

Soggetti ammissibili

PMI operative e costituite da almeno 24 mesi (alla data di presentazione della domanda) e che abbiano sede operativa in Lombardia al momento dell’erogazione del contributo.

Per poter accedere alla domanda di contributo, è necessario che le aziende abbiano un codice ATECO PRIMARIO (risultante dalla Visura Camerale) appartenente ad una delle seguenti categorie:

  •  C – Attività manifatturiere;
  •  F – Costruzioni;
  •  H – Trasporto e magazzinaggio;
  •  J – servizi di informazione e di comunicazione;
  •  M – attività professionali, scientifiche e tecniche;
  •  N – noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese;
  •  PMI iscritte all’ALBO delle imprese agromeccaniche di Regione Lombardia.

Progetti ammissibili

Ai fini della domanda, sono ammissibili esclusivamente i progetti realizzati nel territorio della Regione Lombardia.

Inoltre, i progetti ammissibili dovranno essere finalizzati allo sviluppo aziendale e rientrare in una delle seguenti linee di intervento:

  • linea sviluppo aziendale: investimenti nell’ambito di generici piani di sviluppo aziendale, da concludersi entro 12 mesi dalla data di approvazione del progetto;
  • linea rilancio aree produttive: investimenti per lo sviluppo aziendali basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo legati ai piani di riqualificazione e/o riconversione territoriale di aree produttive dismesse, degradate o sottoutilizzate, da concludersi entro 18 mesi dalla data di approvazione del progetto.

I progetti dovranno, inoltre, svilupparsi in una delle seguenti macro-aree di specializzazione:

  • aerospazio;
  • agroalimentare;
  • eco-industria;
  • industrie creative e culturali;
  • industria della salute;
  • manifatturiero avanzato;
  • mobilità sostenibile;
  • Smart Cities and Communities.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese sostenute dopo la data di presentazione della domanda.

Per la linea sviluppo aziendale sono ammissibili i Progetti con spese non inferiori

ad Euro 53.000,00 (cinquantatremila/00).

Le diverse tipologie di spesa, fino ad un massimale di 2 milioni di euro, devono essere riferite a:

  1. macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
  2. acquisto di sistemi gestionali integrati (software e hardware);
  3. acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  4. opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati fino ad un massimo del 20% delle spese ammissibili.

imm.+alvia+prouePer la linea riferita al rilancio delle aree produttive sono ammissibili i Progetti con spese non inferiori ad Euro 53.000,00 (cinquantatremila/00).

Le diverse tipologie di spesa, fino ad un massimale di 2 milioni di euro, devono essere riferite a:

  1. macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
  2. acquisto di sistemi gestionali integrati (software e hardware);
  3. acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  4. opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati fino ad un massimo del 50% delle spese ammissibili;
  5. acquisto di proprietà/diritto di superficie in relazione ad immobili destinati all’esercizio dell’impresa, fino ad un massimo del 50% delle spese ammissibili.

Agevolazione – L’intervento agevolativo consiste in un:

  • finanziamento a medio lungo termine erogato da Finlombarda e dagli Intermediari finanziari Convenzionati; o importo: minimo € 50.000, massimo € 2.850.000;
  • durata: minimo 3 anni massimo 6 anni, incluso l’eventuale preammortamento;
  • tasso di interesse: pari alla media ponderata dei tassi applicati alle risorse finanziarie messe a disposizione da Finlombarda e dagli Intermediari finanziari che si convenzioneranno;
  • modalità di erogazione: dal 20% fino al 70% del finanziamento concesso alla sottoscrizione del contratto di finanziamento;
  • contributo a fondo perduto da un minimo del 5% ad un massimo del 15% delle spese ammissibili. Per la Linea sviluppo aziendale il 15% di contributo è riconosciuto solo per investimenti incentivati (attinenti a industria 4.0 e/o comprendenti sistemi di certificazione ambientale);

garanzia regionale a costo zero: copertura prestata a titolo gratuito dai Soggetti Finanziatori (Finlombarda e Intermediari Convenzionati) pari al 70% dell’importo di ogni singolo finanziamento.

L’agevolazione sarà concessa in alternativa, a scelta del beneficiario:

  • nel rispetto del regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo agli aiuti “de minimis” che impone un massimo pari € 200.000 nel triennio, cumulando tutti gli aiuti in “de minimis” ricevuti dall’impresa;
  • nel rispetto del regolamento (UE) 651/2014 con un’intensità di aiuto massima, determinata in ESL, pari al 20% per le piccole imprese e al 10% per le medie imprese, evitando le restrizioni del “de minimis”.

Confartigianato Imprese Sondrio è in grado – grazie anche al supporto di esperti esterni – di supportare le imprese interessate in tutte le fasi previste dal bando.

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio Categorie e Mercato, referente Alberto Romagna Laini, allo 0342 514343, email. alberto.romagnalaini@artigiani.sondrio.it

Tag: , ,

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI