Regione Lombardia: “Valorizzazione delle attività storiche e di tradizione” – L.R. 5/2019 e Dgr XI/1503

A seguito di promulgazione della L.R. 5/2019 “Valorizzazione delle attività storiche e di tradizione. Modifiche alla legge regionale 2 febbraio 2010, n. 6 (Testo unico delle leggi regionali di commercio e fiere)”, con la quale Regione Lombardia ha disposto l’estensione del riconoscimento di attività storiche anche a quelle artigianali, riconoscendone la funzione economica e sociale, ed introducendo incentivi, agevolazioni e possibili sgravi fiscali, con Deliberazione di Giunta X/1503 dell’8 aprile u.s., la Giunta Regionale Lombarda ha approvato i nuovi criteri per il riconoscimento delle attività storiche abrogando la delibera n. 8886/2009.

Ai sensi dell’art. 148 bis della L.R. 6/2010 sono considerate attività storiche e di tradizione quelle caratterizzate da una combinazione di fattori legati:

  • alla continuità nel tempo della gestione, soddisfatto solo nel caso di attività svolta per un periodo non inferiore a quaranta anni senza interruzione di continuità; la sospensione per un periodo continuativo non superiore a un anno non viene considerata interruzione di continuità;
  • la continuità dell’insegna e della merceologia offerta ;
  • alla collocazione in strutture architettoniche, artistiche e decorative di pregio, nonché in contesti urbani di particolare interesse;
  • al mantenimento di attrezzature storiche;
  • alla espressività sociale, economica e culturale dell’offerta e dell’ambientazione in stretta coerenza con il contesto locale.

Sono attività storiche e di tradizione:
-i negozi storici, intesi quali unità locali che svolgono attività di commercio al dettaglio in sede fissa;
-i locali storici, intesi quali unità locali esclusivamente o prevalentemente dedite alla ristorazione o alla somministrazione di alimenti e bevande. Sono ammessi al riconoscimento i locali storici che svolgono la loro attività in parti annesse a più ampi complessi a carattere alberghiero e di ospitalità;
-le botteghe artigiane storiche, intese quali unità locali che svolgono la vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrine poste su strada o situate al piano terreno degli edifici.

Il riconoscimento alle suddette categorie è subordinato al rispetto delle seguenti specifiche caratteristiche:

Alle imprese iscritte nell’elenco regionale viene conferito il marchio identificativo.

L’iscrizione nell’elenco è requisito necessario per accedere alle misure di sostegno previste dall’articolo 148 quater, comma 2, della L.R. 6/2010 e per le quali sono state stanziate per il triennio 2019 – 2021 risorse pari a Euro 3.400.000,00=

Il riconoscimento di attività storica e di tradizione e l’iscrizione nell’elenco regionale sono legati al mantenimento della destinazione d’uso dei locali, delle caratteristiche morfologiche delle vetrine, dell’insegna, degli arredi e della selezione tipologia della merceologia offerta presenti al momento dell’iscrizione nell’elenco, anche nel caso di restauri conservativi e di interventi di rinnovo parziale o totale, qualora necessari.

Il riconoscimento e l’iscrizione nell’elenco regionale delle attività storiche e di tradizione è di competenza di Regione Lombardia su proposta delle CCIAA, degli enti locali, delle associazioni di rappresentanza delle imprese e le associazioni dei consumatori.
 
A regime le proposte di riconoscimento dovranno essere presentate dai sopracitati soggetti proponenti entro il 15 febbraio – provvedimento di riconoscimento entro il 15 marzo per candidature presentate dal 16/9 al 15/2 – ed entro il 15 settembre di ogni – provvedimento di riconoscimento entro il 15 ottobre per candidature presentate dal 16/2 al 15/9. Per la tempistica di presentazione relativa a questa fase di prima applicazione Vi rimandiamo a
successivo decreto in via di approvazione, con il quale verranno definite anche le modalità di presentazione della domanda e la relativa documentazione da allegare.
 
Per approfondimenti Vi rimandiamo alla L.R. 5/2019 e alla Dgr XI/1503 scaricabili dalla pagina dedicata https://bit.ly/2LQvyVM .

Tag: , , ,

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI