Riforma del Lavoro, Rete Imprese Italia: ‘Per PMI partenza in salita, ma alla fine raggiunto compromesso soddisfacente con Governo’


26 marzo 2012

Roma, 26 marzo. Il Consiglio dei Ministri, convocato per questa mattina, sta esaminando il testo predisposto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero e ne definirà l’iter legislativo.

Pur non avendo ancora ricevuto l’articolato definitivo, Rete Imprese Italia registra con soddisfazione che rispetto alla proposta iniziale sono stati introdotti nel testo della riforma significativi ed importanti correttivi, accompagnati dal riconoscimento da parte del Ministro del ruolo che giocano le imprese del terziario, del commercio e dell’artigianato e PMI nell’economia italiana. Anche se resta da risolvere la questione della stabilizzazione degli apprendisti.

Una trattativa iniziata in salita per le imprese di questi settori soprattutto a causa del rischio di aggravi insostenibili nel costo del lavoro. Ma che si è poi indirizzata verso un buon compromesso, che recepisce gran parte delle richieste e delle proposte avanzate e sostenute con grande determinazione da Rete Imprese Italia raggiungendo un punto di equilibrio importante.

Le ragioni della nostra soddisfazione nascono dal fatto che, innanzitutto, si è riusciti ad evitare l’aggravio di costi per gli ammortizzatori per le imprese familiari e l’esclusione dei contratti stagionali e dei contratti di sostituzione dall’aumento di aliquote deciso per i rapporti di lavoro a tempo determinato. I nuovi fondi di solidarietà, contemplati dalla riforma per i settori non coperti dalla Cig, come quelli del settore artigiano, potranno essere gestiti anche dagli enti bilaterali previsti dai contratti collettivi nazioni nazionali di lavoro.

Delusione, invece, per l’irrigidimento burocratico previsto per contratti a progetto, part time verticale, lavoro intermittente e partite IVA con aggravi che non ne faciliteranno l’utilizzo. Rete Imprese Italia ha anche chiesto la riduzione delle aliquote contributive Inail e malattia per i comparti del commercio e dell’artigianato. Nessuno impegno al riguardo è stato ancora assunto dal governo, ma Rete Imprese continuerà a portare avanti con forza la propria richiesta.

Comments

Comments are closed.



  • Tesseramento 2017

  • Bandi e contributi aperti



  • Convenzioni e consulenze






  • Video






Confartigianato Confartigianato Lombardia Provincia di Sondrio Regione Lombardia Valtellina PFPValtellina
Unione Artigiani della Provincia di Sondrio - Confartigianato Imprese Sondrio Largo dell’artigianato, 1 23100 Sondrio - Telefono 0342.514343 Fax 0342/514316 - Codice fiscale 80003370147 Partita Iva 00582080149