Semplificazioni fiscali: le richieste di modifica di Rete Imprese Italia

Numerosi gli interventi sollecitati per venire incontro alle esigenze delle piccole imprese

Con l’entrata in vigore del Decreto legge n. 16 del 2012 sulle semplificazioni fiscali è iniziato un percorso di alleggerimento degli adempimenti tributari per le imprese. Un percorso utile ma ancora insufficiente.

Nel decreto, peraltro, sono state accolte molte delle proposte avanzate da Rete Imprese Italia. (Confartigianato, Casartigiani, CNA, Confcommercio e Confesercenti).

Rete Imprese Italia ha, però, prospettato un’ulteriore serie di modifiche al citato decreto, in particolare:

  1. riduzione della sanzione per essere rimessi in bonis in caso di mancato rispetto dei termini per comunicazioni e adempimenti formali;
  2. riduzione della sanzione a carico del cessionario o prestatore nei casi di mancato o tardivo invio delle lettere di intento ricevute;
  3. possibilità di rappresentanza dei contribuenti nei confronti degli uffici dell’Agenzia delle entrate da parte dei responsabili dei CAF;
  4. estensione della deroga, introdotta dall’art. 3, comma 1, del D.L., in materia di utilizzo del contante a tutti i cittadini stranieri e per tutte le attività d’impresa;
  5. possibilità per le imprese di autotrasporto di mantenere la cadenza annuale nella presentazione delle istanze di rimborso dell’accisa;
  6. riapertura dei termini per l’estromissione degli immobili delle imprese individuali;
  7. riapertura dei termini per l’assegnazione agevolata dei beni ai soci e la trasformazione della società;
  8. riapertura dei termini per lo scioglimento o la trasformazione agevolata di società non operative;
  9. modifica alle disposizioni in materia di comunicazione dei beni dati in godimento ai soci;
  10. rimissione in termini per i soggetti interessati dalle precipitazioni nevose del gennaio/febbraio 2012;
  11. definizione legislativa delle imprese prive di organizzazione ai fini IRAP;
  12. modifica al sistema di elaborazione delle liste selettive nei casi di ripetute violazioni in materia di documentazione dei corrispettivi;
  13. modifica in materia di sanzioni amministrative sulle accise.

Tag: ,

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI