Sette buoni motivi contro l’abusivismo. Intervista a Paola Triangeli

A colloquio con Paola Triangeli presidente Parrucchieri ed Estetisti

Paola Triangeli presidente della Categoria Parrucchieri ed Estetisti torna a sensibilizzare un fenomeno più volte segnalato in passato, ma che oggi, complice la pesante fase recessiva sta assumendo dimensioni inaccettabili! L’abusivismo.

Un “fenomeno” già diffuso ma che appare tuttora in crescita nel nostro Paese, che è fonte di gravissimi danni, tocca tutti i settori ma in particolare colpisce parrucchieri ed estetisti.

Gli imprenditori del settore – spiega – sempre più spesso si rivolgono alla nostra associazione segnalandoci episodi di abusivismo che danneggiano l’immagine di qualità e serietà che caratterizzano le loro attività.

Paola Triangeli

E’ per questo che rivolge un appello ai consumatori per valutare attentamente la professionalità delle persone alle quali si affidano.

Purtroppo la crisi che sta investendo il nostro paese sta portando tutti noi a risparmiare laddove è possibile, ma occorre mettere in luce che non sempre risparmiare fa bene alla bellezza e ancor più alla salute.

Ecco i sette buoni motivi per dire no all’abusivismo:

1) Perché si alimenta l’evasione fiscale.  Poi non lamentiamoci che ci aumentano le tasse!

2) Perché si favorisce il lavoro nero…E si mette un’intera categoria in crisi.

3) Perché le tasse che loro non pagano si riversano su chi invece le paga. Non ne abbiamo già abbastanza?

4) Perché i contributi (inps, inail, etc.) che loro non pagano mettono a rischio le nostre pensioni e il nostro futuro.

5) Perché le attrezzature non controllate mettono a rischio anche la salute. Alcuni esempi: dermatiti, funghi, infezioni cutanee da contatto ed epatite C. Non credo si debbano fare commenti!

6) Perché frequentare un salone di bellezza significa poter cogliere le diverse occasioni di confronto e di socializzazione.

7) Perché a conti fatti sommando il consumo dell’acqua calda di casa, i prodotti, l’energia elettrica e il compenso all’abusivo il “presunto” risparmio si riduce di molto.

Un consiglio?

Se, come tutti, oggi avete un po’ stretto la cinghia, piuttosto andate una volta in meno in un salone di bellezza (parrucchiere o estetista) ma andate sempre e solo da professionisti, per la Vostra bellezza e la Vostra salute!

Tag: , ,

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Confartigianato Imprese Sondrio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 80003370147 - P.IVA 00582080149 
PEC: confartigianatoimpresesondrio@legalmail.it
Informativa sulla Privacy

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.

CONTATTI