Sistri: Confartigianato sollecita al Governo al rinvio dell’applicazione

Adempimenti  troppo complessi e onerosi, apparecchiature non disponibili rendono inattuabili gli obblighi del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti

“Rinvio dell’entrata in vigore degli obblighi SISTRI e delle relative sanzioni per un congruo periodo”. E’ quanto sollecita il Presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini in una lettera inviata al Ministro per l’Ambiente Stefania Prestigiacomo, al Ministro per la Semplificazione Normativa Roberto Calderoli, al Ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione Renato Brunetta e al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta.

Il Presidente Guerrini fa rilevare che le pur condivisibili finalità del Sistri sono di fatto vanificate “dai complessi e onerosi adempimenti in capo a centinaia di migliaia di micro e piccole imprese. Ciò in evidente, aperto contrasto con l’azione di semplificazione che il Governo si è impegnato ad attuare nei confronti dei piccoli imprenditori”.

Nonostante l’impegno profuso dalle Associazioni del Sistema Confartigianato per diffondere tra le imprese le novità e le apparecchiature previste da Sistri, Guerrini sottolinea che “non sono state ancora completamente affrontate e risolte le criticità operative e funzionali del sistema più volte segnalate da Confartigianato”. La stessa Confederazione – aggiunge Guerrini – “ha anche più volte manifestato la necessità di escludere dall’ambito di applicazione della normativa sul Sistri le piccole attività con produzione marginale di rifiuti pericolosi e, comunque, di prevedere modalità applicative di semplice realizzazione”.

Tra i motivi della richiesta di rinvio dell’applicazione del Sistri, il Presidente Guerrini indica il fatto che “non sono ancora realmente disponibili e universalmente funzionanti le apparecchiature previste dal nuovo sistema: black box, Token USB, codici di accesso leggibili”.

“Il rinvio – si legge nella lettera del Presidente di Confartigianato – consentirebbe, da un lato, di garantire alle imprese un periodo di sperimentazione, al fine di permettere la familiarizzazione con il sistema e, dall’altro, di porre in evidenza la necessità di correttivi e modifiche all’operatività del Sistri, nell’interesse di tutta la collettività”. Infine, sostiene Guerrini, la proroga “permetterebbe di avviare un’ulteriore fase di informazione e formazione, in particolare per le strutture associative, garantendo così la possibilità di erogare i servizi alle imprese nel modo più efficace possibile e permettendo una migliore transizione verso il nuovo sistema”.

Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI