Successo del seminario regionale “Se abbasso i prezzi guadagnerò di più? Mi conviene?” dedicato alle Pulitintolavanderie

Più di 70 i partecipanti

Due domande precise che ogni artigiano si pone, consapevolmente o meno, ogni volta che decide il prezzo dei propri beni o servizi offerti. Quesiti che si sono posti – e si pongono- anche i 73 pulitintori lombardi giunti presso Confartigianato Imprese Sondrio per il seminario di aggiornamento tecnico organizzato annualmente dal Gruppo Regionale Pulitinto. Dopo i saluti del presidente Gionni Gritti la parola è toccata al Presidente del Gruppo Regionale Pulitintolavanderie Stefano Locorotondo per la prolusione alla giornata.

“Molte imprese artigiane – ha sottolineato Locorotondo – cadono nella trappola del continuo ribasso dei prezzi, pensando che il cliente si sposti da una pulitinto ad un’altra in base a chi offre il servizio al prezzo più stracciato. Non è così, contano soprattutto qualità del servizio, puntualità, cortesia e molti altri aspetti che fanno la differenza”. L’incontro di oggi – ha continuato il presidente regionale – ha voluto “scuotere” le imprese ed indirizzarle verso scelte di pricing e marketing consapevoli grazie alla docenza del professor Alessandro Silva e la testimonianza di alcune imprese artigiane presenti”.

Del resto esempi di aziende specializzate nella manutenzione tessile capaci di comunicare le proprie qualità già ci sono sia a Sondrio che nel resto della Regione e, nonostante la crisi riescono a crescere. “Ho voluto che questo seminario si svolgesse a Sondrio – ha dichiarato Elio Reghenzani presidente Categoria Tessile e Abbigliamento – per fornire elementi di riflessione utili ai pulitintori artigiani valtellinesi e valchiavennaschi”.

“Alla luce delle presenze e della partecipazione, continua Reghenzani, si organizzeranno approfondimenti specifici nel prossimo futuro”. Il seminario tecnico ha dato spazio, come di consueto, al confronto tra gli esperti manutentori presenti. La giornata ha visto la partecipazione – con un desk informativo e un breve intervento di presentazione dei servizi e della filiale di Morbegno – anche di due funzionari del Monte dei Paschi di Siena, istituto bancario partner dell’evento. La sessione pomeridiana è iniziata con l’intervento di Giuseppe Pennino, direttore della rivista di settore “Sotto la lente”, che ha guidato i presenti alla corretta comprensione delle etichette di manutenzione dei capi e al loro trattamento.

“Gli esperti di manutenzione, ha sottolineato Pennino, devono sempre agire attingendo informazioni dall’etichetta di manutenzione e dalla propria esperienza e professionalità. Nei non pochi casi di etichettature fantasiose, il manutentore artigiano è comunque in grado di offrire servizi di massima qualità. I lavori sono stati chiusi da Tiziano Crippa, perito per la manutenzione tessile e pulitintore con oltre 50 anni di esperienza che ha fornito i propri consigli per la cura e manutenzione di una dozzina di capi rovinati. Cappotti in lana infeltriti, abiti d’alta moda macchiati, etc. Per quanto compromesso potesse sembrare l’indumento posto all’attenzione degli esperti, ogni volta è risuonato il motto di Tiziano “se lo trattate con professionalità e competenza questo capo è recuperabile al 99%”.

Tag: , ,

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI