Gli abiti del “Nobil Vestir” ad Eroico Rosso

Gli abiti nobili e popolari di Valchiavenna, Valtellina e Valposchiavo in mostra a Palazzo Mazza a Tirano dal 15 al 20 settembre. Orari apertura

ImmagineLa bravura dei sarti artigiani e dei viticoltori Valtellinesi si incontra. Un evento unico ed originale si svolgerà in occasione della prossima edizione dell’Eroico Rosso – Sforzato Wine Festival a Tirano. Gli abiti dei nobili valtellinesi del 500’ e 600’ e quelli popolari dei principali paesi di Valtellina, Valchiavenna e Valposchiavo si incontreranno a Palazzo Mazza di Tirano presso la dimora cinquecentesca di Dino e Simona Mazza, prestigiosa location e raro esempio di dimora restaurata nel rispetto delle tecniche costruttive originarie.

“Naturalmente la Veste della Domenica – sottolinea Simona Mazza – non ci siamo proposti di reperire  gli abiti di tutti i borghi delle nostre valli, non era possibile neppure  che la nostra casa li contenesse. Ci siamo accontentati di fare un primo passo che significasse un impegno per il futuro di Tirano e della Valtellina: riscoprire e valorizzare questo aspetto significativo e forte  delle nostre tradizioni, per non dimenticare il passato dei nostri avi e per  scrivere un nuovo futuro per i nostri figli. I costumi generosamente prestati alla nostra mostra sono preziose
testimonianze storiche di lavoro e di talento.   Ringraziamo  i Sarti e la categoria Artigianato Artistico di Confartigianato Imprese Sondrio, il Museo etnografico tiranese, il Museo Valtellinse di Storia ed Arte  e i tanti privati possessori dei costumi valtellinesi, valchiavennaschi e   della Val Poschiavo che hanno voluto
collaborare con questa iniziativa.
Un grazie anche all’Assessorato alla Cultura del Comune di Tirano.
Mi piace unire qui una riflessione del Prof. Renzo Sertoli Salis del febbraio 1991:
“Non è sempre facile stabilire quale rapporto esista tra il costume, ossia il modo di abbigliamento di una popolazione, e i suoi costumi intesi in senso morale.  Certo è che dalle abitudini  di un’entità etnica è sempre dato ricavare, più o meno profondamente, il valore dei suoi costumi.
Dal latino “mos”(usanza)  deriva la parola “morale”, anche se, quasi per un senso ottimistico della vita sociale, la morale è sempre una buona morale.
Raccogliere e valorizzare i  costumi valtellinesi  vuole essere un contributo di carattere storico, geografico, umano, per non dire umanistico, alla conoscenza profonda dei caratteri e dei valori della  sua popolazione”

 

Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.
Informativa sulla Privacy

CONTATTI